Marostica

fotografo del paesaggio

fotografia, video, natura, paesaggio & web

itinerari fotografici, etnografia, arte, storia
cicloturismo, mountain bike, trekking, sci, alpinismo, in particolare nei luoghi meno frequentati e più autentici
ricerche e percorsi naturalistici, artistici e storici, turismo eco-sostenibile nel Veneto e Friuli
campagne di sensibilizzazione per la salvaguardia del territorio e delle risorse storiche e artistiche
copy-writer, seo, realizzazione siti web ottimizzati e accessibili a norma W3C WCAG e tecnologia Html.5 CSS.3



Assisi-Roma
Imparerai più nei boschi che nei libri,
gli alberi e le rocce ti insegneranno le cose
che mai nessun maestro ti dirà.
(Bernard de Clairvaux - San Bernardo da Chiaravalle)

Editoriale Programma Treviso - Escursioni e passeggiate di Gianni Pasquale
Editoriale Programma Treviso
Lorenzo Massarotto

Lorenzo Massarotto - Le vie

2014 - Luca Visentini Editore

La biografia del più grande arrampicatore dolomitico non con le chiacchere, ma con i fatti: le sue vie. Attraverso le parole e le relazioni dei tanti compagni di cordata. Molto, molto di più di una guida ad alcune arrampicate.
Sulle grandi Dolomiti, quelle vere, le spaventose pareti di Valle San Lucano. In condizione di montagna vera: in solitaria invernale.

Un libro commovente per chi ha conosciuto "il Mass".
Di Lorenzo si ricorda soprattutto la sua grande umanità, la sua immensa modestia, la sua ineguagliabile semplicità. Segni di una vita travagliata e dell'incredibile numero di bivacchi, spesso solitari invernali, tra le rughe di immense pareti, forse.
Un libro che fa rivivere l'epopea magica e irripetibile degli anni '80 e '90 del novecento dell'alpinismo prealpino veneto e dolomitico.
Con la certezza che basti andare "Dalla Mena" in Valle Santa Felicita, o fermarsi ad ammirare l'immenso spigolo nord dell'Agner lungo la stradina di Col di Pra in San Lucano, per vederlo apparire.
Con il suo sorriso enigmatico e le parole ironiche, pepate e pungenti.
Come quella volta che scendevo a piedi verso Agordo.
Lorenzo mi sorpassa in sella al Ciao, mi vede, si ferma, mi accompagna "a pedali" fino ad Agordo, mi riferisce della ruota del motorino trovata bucata, mi racconta della concatenazione in solitaria invernale delle "sue" tre cime in San Lucano (Agner... Lastei...), tanto freddo e neve, tre giorni senza mettere niente sotto i denti, per fortuna conoscevo le discese...
Arriviamo ad Agordo, mi dice: vado al bar davanti alla chiesa.
Ciao Lorenzo, alla prossima... Gianni

Club Alpino Italiano WWF Coldiretti Ass.Triveneta Amici di Santiago, Monselice
Molinetto Croda Marmolada


informazioni importanti sul sito


Malga Alvis

Perché magico Alvìs?

L'Alvìs, con l'accento sulla ì (nulla a che vedere con Elvis e il rock&roll o con le auto d'epoca), è un luogo, un passo, una montagna nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi dirimpettaia ai 'Piani Eterni' di Buzzati, in val Canzoi (vicino Feltre), ai piedi della grande montagna dolomitica Sass de Mura, con tanto di malga come potete vedere nella foto più sopra, con la parete sud-est del Sass de Mura sullo sfondo.
Luogo isolato e molto solitario, affascinante e sconosciuto, dalla natura esuberante, severa ed intatta.

MagicoAlvis non fornisce informazioni pubblicitarie.

In questo sito non trovi pubblicità occulta o ingannevole.
Tutto il materiale è totalmente originale e realizzato dall'autore del sito.

I dati presenti in questo sito (links, indirizzi, telefono, e-mail, ecc.) sono ricavati da elenchi pubblici presenti in internet e/o dai siti dei relativi enti, strutture o attività oppure da pubblicazioni cartacee o segnalati direttamente dagli interessati.
Pur verificati con cura, possono contenere errori o cambiamenti non tempestivamente aggiornati.
I servizi offerti da questo sito sono completamente gratuiti e personalmente verificati col massimo impegno, tuttavia si declina ogni responsabilità per possibili disguidi o danni subiti dagli utenti.

Itinerari e descrizioni riportate in questo sito devono essere visti solamente come idee di massima e premesse per programmare le proprie gite, non possono in nessun caso essere considerati quali consigli o indicazioni certe.

Il frequentare la montagna (alpinismo, ferrate, escursionismo, mountain bike, ecc.) o il ciclismo, il cicloturismo, la mountain bike ed anche il turismo, sono attività potenzialmente pericolose e s'intendono svolte a proprio rischio, pericolo e responsabilità.
MagicoAlvis non è responsabile di disguidi, errori ed inconvenienti possibili lungo i percorsi, in particolare il ciclismo svolto su 'strade', strutture regolamentate dal Codice della Strada, dove è tassativo il rispetto delle norme previste dal Codice.

Pertanto il titolare declina ogni responsabilità diretta o indiretta.

E', inoltre, importante un comportamento corretto, responsabile, rispettoso dell'ambiente e delle persone.

Non gettiamo rifiuti ma portiamoli a casa, non cogliamo fiori, non disturbiamo gli animali, evitiamo rumori inutili, abituiamoci ad uno stile di vita sobrio e il meno inquinante possibile, rispettiamo il lavoro altrui.
E' importante rispettare con la massima cura i luoghi sacri, le chiese, le opere d'arte.


Informazioni più complete e note legali le puoi trovare nella